Accertamenti di base per il ginocchio


Sintomatologia


Nel momento in cui le superfici articolari divengono irregolari, la sintomatologa clinica si manifesta con dolori, la diminuzione dell’escursione articolare e la difficoltà progressiva nella deambulazione.

Gli spostamenti diventano difficili e l’instabilità del ginocchio aumenta il rischio di cadute.

Con il progredire della patologia, i dolori e l’instabilità aumentano e possono limitare l’attività quotidiana.
Secondo lo stadio evolutivo della sintomatologia evidenziato nella prima visita, lo specialista, dopo aver visionato gli esami radiografici, potrà orientare il paziente verso un trattamento farmacologico ( antiinfiammatori, condroprotettori) o una viscosupplementazione e, a volte, verso la chirurgia.


Gli esami di base


Gli esami paraclinici indispensabili per una prima visita al ginocchio, sono le radiografie standard:

  • teleradiografia degli arti inferiori sotto carico dal bacino ai piedi compresi su lastra unica,
  • le radiografie delle due ginocchia in proiezione latero-laterale ed antero-posteriore,
  • le proiezioni assiali delle rotule a 30° e 60°.

Lo specialista, se lo ritiene opportuno, potrebbe richiedere altri esami, come delle radiografie dinamiche, degli esami biologici, una RM o un esame TC.

LuciaAccertamenti di base per il ginocchio