L’anestesia


Prima di ricoverarsi per l’intervento chirurgico, il paziente verrà invitato ad una visita anestesiologica, dove incontrerà uno degli anestesisti che lo avranno in cura in sala operatoria, che annoterà sulla cartella anestesiologica tutte le informazioni riguardanti i dati anamnestici del paziente, le sue condizioni di salute e le sue problematiche cliniche.

Saranno valutati accuratamente i risultati degli esami ematici, i precedenti anestesiologici, l’assunzione di farmaci ,eventuali allergie, le condizioni cardiologiche, la situazione respiratoria e la funzionalità dei vari organi del paziente.

Il tutto allo scopo di elaborare una corretta valutazione del rischio anestesiologico ed operatorio in genere , in relazione al programma chirurgico.


Inoltre saranno discusse con il paziente la possibilità di entrare in un programma di predeposito di sangue autologo , se questo reputato  possibile.

Al termine della consultazione e dopo avere spiegato al paziente il trattamento anestesiologico più idoneo al suo caso, verrà chiesto al paziente di firmare il consenso informato alla procedura.

L’anestesia più frequentemente usata per la chirurgia protesica dell’anca e del ginocchio è la tecnica di anestesia spinale, o a seconda delle necessità la peridurale continua, o l’anestesia generale.

L’anestesia spinale viene eseguita in modo totalmente indolore, iniettando dell’anestetico locale nel liquido cefalorachidiano (il liquido che sta intorno al midollo spinale ) con una microdose di morfina , ottenendo un anestesia chirurgica adeguatamente lunga ed una analgesia postoperatoria di lunga durata.

L’anestesia peridurale ci permette di modulare il dosaggio e l’effetto dell’ anestesia per un periodo ancora più lungo ; essa consiste nell’introdurre un sottilissimo catetere nello spazio peridurale ed iniettare i farmaci necessari per tutto il tempo che si desidera.

In entrambe le tecniche il paziente viene sedato nel periodo intra operatorio per aumentare il suo confort e diminuire il suo naturale stato ansioso.

In casi particolari si esegue l’intervento in anestesia generale classica.

LuciaL’anestesia