Il materiale utilizzato per la protesi di ginocchio


La protesi mono-compartimentale


Questo tipo di protesi è destinato a sostituire uno dei tre compartimenti del ginocchio. Nella quasi totalità dei casi si tratta del compartimento mediale o di quello laterale.

I materiali utilizzati sono l’inox o il cromo-cobalto.
La misura e il design è conformato all’anatomia del segmento articolare interessato.

  • Protesi ginocchio monolaterale
  • Defilé femoro-patellare


La protesi tri-compartimentale


Protesi ginocchio tri-compartimentaleLa protesi totale di ginocchio o protesi tri-compartimentale, sostituisce totalmente le superfici articolari del ginocchio che sono distrutte.

Il design di una protesi è molto simile ad un ginocchio naturale.

Ad eccezione dei casi in cui le deformazioni sono molto gravi, le protesi impiantate di prima intenzione sono delle protesi con pochi vincoli (quindi meno esposte all’usura) dette a scivolamento.

Noi utilizziamo abitualmente delle protesi postero stabilizzate, che si compongono di tre elementi:

  1. Una componente femorale che viene ricoprire l’articolazione a livello del femore. Questa può essere o non essere cementata all’osso. Il materiale utilizzato è di norma inox o cromo cobalto.
  2. Un piatto tibiale che viene posizionato sulla tibia e che, a seconda dei modelli può essere o meno cementato. Il materiale utilizzato è l’inox o cromo-cobalto.
  3. Una componente intermedia, denominata inserto femoro-tibiale, destinata a permettere il movimento tra i due precedenti, assicurando una certa stabilità all’articolazione. La sua struttura è in polietilene. Può essere fissata sul piatto tibiale oppure essere mobile. In questo caso, le possibilità di rotazione della tibia sotto il femore è decisamente maggiore rispetto ai piatti fissi.

Quando viene deciso di procedere anche alla sostituzione della rotula, gesto che noi scegliamo frequentemente, viene cementato sulla rotula un quarto componente in polietilene, il bottone rotuleo.

LuciaProtesi di ginocchio: il materiale